Le tagliatelle agli asparagi selvatici. Diciamo che più semplice di cosi non si può. Basta avere gli ingredienti di prima qualità. Come le tagliatelle fatte in casa, gli asparagi selvatici e l’olio buono. Non serve altro. Perché sono tre cose talmente buone che ogni ingrediente in più andrebbe a coprire il sapore di questi tre elementi. E che soddisfazione andare a fare due passi nel pomeriggio e tornare a casa con un mazzettino di asparagi per condirci le tagliatelle per cena. E ora, con l’arrivo della primavera andare a fare due passi nel bosco è un toccasana. La natura inizia a risvegliarsi. Ci sono i primi fiori, le primule, le violette. Una miriade di uccellini con tutti i loro cinguettii diversi. E i caprioli che sono in amore e si chiamano da un lato all’altro del bosco. Che meraviglia…

Ma tornando al piatto. Si, un piatto veramente semplice, che in questo 8 marzo lo voglio dedicare a te, cara amica mia che non ci sei più. Perché come mi dicesti l’ultima sera che sei potuta venire a cena da me “anche un piatto semplice può essere speciale, se fatto con il cuore”.

Ingredienti:

Preparazione:

Mettete a bollire l’acqua per la pasta. Nel frattempo tagliate a pezzetti gli asparagi selvatici e metteteli in una padella (dove poi salterete la pasta) con un po’ di olio e fateli cuocere a fuoco basso. Occhio a non bruciarli… sarebbe un delitto.

Quando l’acqua bolle buttate le tagliatelle e poco prima della fine della cottura, scolatele e saltatele nella padella con gli asparagi.

Fatto. Che ci vuole, Basta fare la pasta, e andare a cercare gli asparagi nel bosco.

Se volete, una grattatina di pepe bianco sulle vostre tagliatelle agli asparagi selvatici.