Prima di tutto cosa sono gli strigoli? 

Gli strigoli o stridoli sono piante spontanee commestibili conosciute fin dai tempi antichissimi per il buon sapore e le interessanti proprietà nutritive e medicinali. Crescono un po’ ovunque nel nostro Paese, soprattutto nei luoghi erbosi e nei campi e sono note anche con altri nomi popolari come sonaglini o schioppettini.

Ingredienti per due sformatini:

  • Strigoli (come quantità da lessati e strizzati è circa una pallina da tennis… forse un po’ più grande… insomma come le palline di bietola che comprate al negozio d’alimentari…)
  • due uova;
  • due cucchiai di parmigiano;
  • un pizzico di sale;
  • ml. 50 di latte
  • sale;
  • olio evo.

Preparazione:

Frullare gli strigoli (dopo averli ben strizzati dall’acqua). Unire le uova sbattute, il latte, il parmigiano, un pizzico di sale e un filo d’olio. Mettere negli stampini (io ho usato quelli d’alluminio per i budini) e poi in forno a 180° per 25 minuti. Una volta sfornati lasciarli freddare una decina di minuti e poi impiattarli versandoci sopra la fonduta…

Ingredienti per la fonduta:

ml. 100 di latte;
gr. 100 di parmigiano;
ml. 50 di panna,
una piccola noce di burro.

Preparazione:

Mettere il latte in un pentolino su fuoco dolce, aggiungete prima la panna, il burro e poi il parmigiano a pioggia mescolando con una frustina, tenendolo sul fuoco fino a che non si addensa leggermente. Considerate che la fonduta dovrà essere cremosa ma non troppo densa perché dovremo poi versarla sullo sformatino di strigoli.