Il peposo è un piatto della tradizione fiorentina, anzi per la precisione dell’Impruneta, un comune limitrofe a Firenze. Viene anche chiamato Peposo alla fornacina. Il motivo di questo nome deriva da una storielle di quelle che piacciono a me. L’Impruneta era ed è un paese famoso in tutto il mondo per la produzione del cotto per orci, vasi da limoni, tegole e mattonelle. Pensate che la mia amica Carla che adesso abita in Oklahoma per la ristrutturazione della sua casa ha ordinato le mattonelle all’Impruneta… Comunque tornando al racconto, i fornacini lasciavano a cuocere il peposo all’imboccatura dei forni per tutta la notte. L’uso di tanto pepe per la cottura della carne era giustificato dalla non sempre freschezza della carne (allora non c’era i forni di adesso). Il peposo venne cotto insieme alle tegole che venivano preparate per la copertura della cupola del Duomo di Firenze e venne assaggiato in quest’occasione dal Brunelleschi che ne fu subito entusiasta. E si reso conto che questo piatto oltre ad essere buono era anche molto sostanzioso e sarebbe stato l’ideale per nutrire i suoi operai durante la costruzione del Duomo e così tutti i giorni ne faceva arrivare una gran quantità per nutrire i suoi operai. 

Questa, quasi sicuramente si tratta di una storiella. Il pepe nel 1400 era una spezia molto costosa che soltanto i signori si potevano permettere. 

Comunque tornando alla ricetta del peposo ecco gli ingredienti:

  • Gr. 800 di muscolo di vitellone;
  • 8 spicchi d’aglio;
  • vino rosso;
  • un cucchiaio di concentrato di pomodoro;
  • sale e pepe.

Preparazione:

Tagliare la carne a pezzetti tipo spezzatino, ma non troppo piccoli (la carne deve cuocere molto, altrimenti vi ritrovate dei briciolini…). Io uso un vecchio tegame di coccio. Metto tutto li dentro… gli agli interi (sbuccciati naturalmente) un paio di bicchieri di vino (deve quasi coprire la carne, se non fosse sufficiente allungate con acqua calda), la conserva sciolta in acqua calda e un bel cucchiaio colmo di pepe nero.
Mettere in forno a temperatura media e cuocere per circa due o tre ore mescolando di tanto in tanto.
Se durante la cottura il peposo dovesse asciugarsi troppo mettere acqua calda.