Ma sapete da quale parte dell’animale si ottengono gli ossibuchi? Dalla parte superiore della gamba in corrispondenza della tibia. Possono essere di manzo o di vitello. Quelli di vitella sono migliori perché più teneri. Vengono tagliati intorno ai 3 cm circa.

Ecco come cucinare gli ossibuchi di vitella

Ingredienti per 2 persone

  • 2 ossibuchi di vitella,
  • 1 cipolla piccola,
  • salvia,
  • farina,
  • olio,
  • salvia,
  • vino bianco,
  • brodo di carne (va bene anche di dado),
  • sale e pepe.

Preparazione degli ossibuchi di vitella

Fare qualche incisione sul bordo degli ossibuchi (per evitare che in cottura si “avvorticciolino”) e dopo averli battuti, infarinateli leggermente.
Prendete un bel tegame che li contenga, mettete un po’ d’olio, la cipolla affettata finemente, qualche foglia di salvia, e gli ossibuchi.
Fateli rosolare piano piano (occhio perché s’attaccano), poi aggiungete un bicchiere di vino bianco e fatelo sfumare, dopodiché aggiungete un po’ di brodo caldo (circa un bicchiere), sale e pepe e cuoceteli a fuoco basso coperti per circa 40 minuti, aggiungendo un po’ di brodo se necessario.